Un’Economia Goldilocks è necessaria per un innalzamento dei tassi d’interesse da parte della Federal Reserve

Ormai non si fa altro che parlare di un futuro innalzamento del tasso d’interesse da parte della Federal Reserve. Ma sarà possibile un innalzamento di questo valore? E’ sicuramente necessaria un’economia di tipo… Continua a leggere.

Il Dollaro di Singapore si è comportato in maniera abbastanza neutrale questa mattina, in quanto la Città-Stato ha riportato un incremento negli export (che non comprendono prodotti petroliferi) nel mese di Maggio, un incremento che ammonta a −3.1%, mostrando un recupero rispetto al declino di Aprile.

Oltre un anno fa, le esportazioni si contrassero di oltre il 2.7%, e un paese come Singapore, estremamente votato alle esportazione, ha sentito enormemente di questa crisi, e a maggior ragione della crisi che sta in questi giorni affliggendo la Cina.

Le spedizioni di beni elettronici in Cina e in Europa sono aumentati enormemente. Il dollaro di singapore è cresciuto contro lo Yen Giapponese, ma è tuttavia caduto contro altre valute in quanto i dati sulle esportazioni sono stati resi pubblici. Tuttavia il Dollaro di Singapore ha continuato a rosicchiare un pò di terreno contro il Dollaro Statunitense, in quanto la coppia USD/SGD è caduta sotto il livello di 1.35.

dollaro

L’economia statunitense si sta riscaldando, ma non è ancora l’economia Goldilocks che la Lagarde vorrebbe.
Il termine Goldilocks fu coniato dal direttore del Fondo Internazionale, la Signora Lagarde. Goldilocks è la storia di Riccioli d’Oro, una favola ottocentesca, che narra di una bambina dai riccioli d’oro che va in una cosa con tre orsi. Questi hanno lasciato tre piatti di minestra sulla tavola. Riccioli d’Oro assaggia il primo piatto, troppo freddo, il secondo che è troppo caldo e poi il terzo, che non è nè troppo caldo e nè troppo caldo, è il giusto mezzo. Da qui in poi è quindi nata la soluzione Goldilocks, che è praticamente il simbolo del giusto mezzo. Per il Fondo Monetario è giusto adottare politiche che non siano quindi nè troppo calde e nè troppo fredde.

Non troppo calda, ma neanche non troppo fredda, ma l’Economia Americana si sta riscaldando, e questo è estremamente necessario per alzare i tassi di interesse nel mese di giugno dal solito valore di 0,25%. I positivi segnali di crescita economica, lasciano ben pensare ad un aumento dell’inflazione e dell’occupazione. Il quadro macroeconomico è stato mescolato. Mentre il PIL del primo trimestre è stato recentemente rivisto al ribasso a -0,7% dal 0,2%, il mercato sta cercando al di là dei fattori transitori che stanno dietro il rallentamento della crescita Q1, concentrandosi piuttosto sulla crescita del secondo quadrimestre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *